Home > Vicende Amministrative di Torre delle Stelle - Maracalagonis, Vicende Amministrative di Torre delle Stelle - Sinnai > Il Consiglio comunale di Maracalagonis ratifica l’affidamento ad Abbanoa del sistema idrico di Torre delle Stelle.

Il Consiglio comunale di Maracalagonis ratifica l’affidamento ad Abbanoa del sistema idrico di Torre delle Stelle.

Con la delibera 46 del 29 dicembre 2017, il Consiglio comunale di Maracalagonis ha ratificato l’affidamento ad Abbanoa del sistema idrico di Torre delle Stelle. Ora toccherà a quello di Sinnai.

Si tratta di un provvedimento con il quale il Consiglio comunale prende atto dell’avvenuto trasferimento ad Abbanoa, il 1° agosto 2016, della gestione del servizio idrico di Torre delle Stelle e tramite cui si completa un altro passaggio per il perfezionamento formale della vicenda.

Ciò che il Consiglio comunale ha approvato è la convenzione tra Abbanoa, i Comuni di Maracalagonis e Sinnai e Aquavitana (il gestore del servizio idrico del Comune di Sinnai, che non ha Abbanoa) che formalizza il suddetto trasferimento e in seguito alla quale “sarà cura dell’Ente di Governo dell’Ambito della Sardegna procedere all’atto di trasferimento definitivo della gestione della rete idrica di Torre delle Stelle e delle relative infrastrutture, alla società Abbanoa S.p.A., per le opere ricadenti sia nel territorio comunale di Maracalagonis che per quelle nel territorio del Comune di Sinnai“.

Tradotto, con l’approvazione della convenzione cadono anche le resistenze di EGAS all’adozione del provvedimento di affidamento ordinario ad Abbanoa, omissione che, secondo il Gestore precludeva la possibilità di perfezionare i contratti singoli (posizione da noi ritenuta palesemente non fondata, per i motivi illustrati in questo articolo). In altri termini, dovremmo esser finalmente prossimi a quest’ultimo passaggio contrattuale individuale.

 

Ricordiamo che il trasferimento della gestione del sistema idrico alla mano pubblica è arrivato a seguito delle decisive azioni legali intraprese dalla Nuova Associazione Torre delle Stelle, dalle quali sono scaturite le note, storiche sentenze del Giudice Amministrativo (TAR 602-2013, 469-2015, 481-2016, Consiglio di Stato 5487-2014, convalidate anche dalle Sezioni Unite della Cassazione: sentenza 1088-2017) e ha rappresentato una pietra miliare nelle vicende di Torre delle Stelle, con la rimozione, dopo decenni di illegalità, dell’abusiva “gestione di fatto” della rete idrica, nell’ambito della quale è stata giocata una delle partite più sporche del “caso Torre delle Stelle”: l’utilizzo della risorsa idrica quale arma di ricatto per coartare la volontà dei singoli proprietari (stacco dell’acqua, costato all’ex-amministratore tre rinvii a giudizio: dibattimenti ancora in corso) e incassare pagamenti illeciti per oneri gestionali già trasferiti all’Amministrazione comunale da cogenti provvedimenti giurisdizionali (ordinanza TAR 402-2009).

Ed è stata proprio la difesa di questa “arma impropria” ad aver spinto la rimossa gestione “condominiale” a spendere centinaia di migliaia di Euro di soldi di ignari proprietari per tentare vanamente di opporsi al trasferimento alla mano pubblica del servizio idrico di Torre delle Stelle.

Opposizione, è bene ricordare anche questo, che è stata uno dei motivi principali posti alla base dei durissimi provvedimenti di revoca che hanno colpito l’ex-amministrare del c.d. condominio, nei quali è scritto nero su bianco che tali iniziative di contrasto alla presa in carico pubblica, sono stati “fonte di rilevanti danni economici” per i proprietari di case di Torre delle Stelle.

Motivo per cui 80 proprietari l’hanno citato in giudizio, con la contestazione, ben documentata, di danni per circa 1,3milioni di Euro.

Il passaggio alla mano pubblica del servizio idrico di Torre delle Stelle ha anche consentito di porre rimedio a gravissime carenze gestionali - scoperte da Abbanoa il giorno del suo insediamento  – che mettevano a repentaglio la sicurezza igienico-sanitaria degli utenti (per esempio, l’approvvigionamento con acqua batteriologicamente contaminata in assenza di potabilizzatori funzionanti, acqua che poi veniva distribuita alle abitazioni senza nulla comunicare agli utenti), con la messa in sicurezza degli impianti e l’avvio di un programma di risanamento complessivo.

Lavori Abbanoa di rifacimento rete idrica nei pressi del "cantiere" - nov. 2017

 

E, a proposito di adeguamento/messa a norma e rifacimento della rete, dalla delibera comunale di cui parliamo si apprende che Abbanoa ha già approntato, e inviato a EGAS, un piano ufficiale di interventi relativo a Torre delle Stelle del costo di 4 milioni di Euro (“Piano degli interventi sulle infrastrutture idriche della borgata di Torre delle Stelle”), suddiviso in un  “Piano degli interventi operativi da eseguirsi nell’immediato” e in un “Piano degli interventi sulle infrastrutture per adeguamento/efficientamento” per un complessivo adeguamento/rifacimento strutturale.

Ciò che accade normalmente in qualunque paese civile ma che a Torre delle Stelle, fino a che vigeva il far-west delle illecite pseudo-gestioni fai da te, sembrava una chimera.

 

++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++++

RIFERIMENTI

 

 

  1. franco
    15 Gennaio 2018 a 16:24 | #1

    ot, a proposito, leggevo oggi sull’unione della procedura avviata dal comune di Mara per l’approntamento parcheggi a Baccu Mandara, nell’ottica di generale organizzazione parcheggi del litorale, si accennava anche a Torre, che differenza e problematiche ci sarebbero tra le due località? perchè a Torre la cosa sembra ancora in alto mare per il parcheggio di Cannesisa?

  2. maurizio
    14 Gennaio 2018 a 8:31 | #2

    Altro traguardo storico per torre delle stelle: gestione pubblica del sistema idrico con relativi finanziamenti per rifare tutto con requisiti tecnici a garanzia della regolarità del servizio e della qualità. Ora il Comune deve proseguire con gli interventi sulle strade, vedi nuovo selciato, per eliminare il problema della polvere e mettere i dissuasori di velocità nella strada in via di completamento; ragionando anche di piste ciclabili sulle strade esistenti in modo da disincentivare l’uso della macchina per scorrazzare all’interno del villaggio….

  3. estero
    13 Gennaio 2018 a 17:39 | #3

    ottime notizie!grazie come sempre alla NATdS.
    Speriamo di non dover aspettare ancora tempi biblici per i contratti individuali e soprrattutto che Abbanoa non trovi altri modi per far pagare ai cittadini di Torre quello che gia hanno pagato…
    a mio parere Abbanoa dovrebbe discutere/risolvere/rivalersi sul Comune di Maracalagonis per qualsiasi elemento legato alla ‘gestione’ acqua a Torre visto che e’ stato il Comune a procrastinare la ‘gestione di fatto’….
    Spero anche che coloro che hanno gia dimostrato di essere in regola con i pagamenti per i consumi spettanti non siano costretti a dover giustificare/provare di nuovo tutto…non se ne puo’ veramente piu’…..
    Si attendono anche notizie sui vari contenziosi ancora aperti e (a meno che non mi sia sfuggita la notizia) sulla ‘posizione’ dell’attuale ‘gestione’…. Grazie ancora e speriamo che il 2018 sia l’anno ‘giusto’ per Torre!

  4. franco
    12 Gennaio 2018 a 20:49 | #4

    @Nuova Associazione Torre delle Stelle
    perfetto, come al solito avete chiara la questione, Abbanoa ha troppe magagne in questa storia per porre lei unilateralmente condizioni, sopratutto ai proprietari di torre.

  5. Luca
    12 Gennaio 2018 a 19:16 | #5

    Che tempistiche ci saranno per l’attivazione dei contatti individuali?

    • Nuova Associazione Torre delle Stelle
      12 Gennaio 2018 a 20:05 | #6

      Non lo sappiamo, presumibilmente entro 3-4 mesi. Il punto importante è che è stata superata l’empasse fra Abbanoa e EGAS, che per un anno e mezzo ha impedito di perfezionare i contratti individuali (ricordiamoci che comunque Abbanoa nell’agosto 2016 ha compiuto dei “fatti concludenti” in relazione a quei contratti: registrazione anagrafica di tutti gli utenti, lettura in contraddittorio e sigillatura dei contatori e comunicazione agli utenti che da quel momento i consumi erano registrati sotto il nuovo regime individuale).
      Ci auguriamo che, una volta perfezionati i contratti individuali, Abbanoa non si impunti e accetti di computare su quei contratti i consumi dal 1° agosto in poi, annullando le fatture collettive che ha continuato ad emettere (manifestamente illegittime, anche per il solo fatto che sono state ripartite su sole 378 utenti con costi circa raddoppiati).

  6. franco
    12 Gennaio 2018 a 18:13 | #7

    Ergo scompare definitivamente ogni traccia anche minima di provvisorio affidamento a tal gestore di “fatto” che ancora persisteva se non erro, in una delibera del comune, e alla quale ancora si aggrappavano certi “ambienti”

  1. Nessun trackback ancora...
Codice di sicurezza: